Cogli l'attimo che fugge

Il Carpe Diem su cui è incentrata l'esistenza e la poetica del pensatore lucano Quinto Orazio Flacco, rivive sul palcoscenico del teatro Argentina il 19 maggio 2018, attraverso la bella voce e l'intensità di Alessio Boni, magistralmente diretto da Pino Quartullo, l'adattamento e i testi originali sono di Margherita Gina Romaniello, l'organizzazione e la produzione esecutiva è Esperanto Communication.
E'  un appuntamento speciale e unico quello all'Argentina, dove è ripercorsa l'esperienza umana e letteraria di un personaggio saggio e ironico che ha scritto versi destinati a durare nel tempo. 
Odi evocative, passi degli Epodi, delle Satire e frasi emblematiche di Epistole, preceduti o accompagnati dalla musica e dai canti atavici di Oscar Bonelli, mostrano lo spirito inquieto e gli slanci appassionati di Orazio, l'amico riconoscente di Mecenate, che seppe osservare i vizi e le virtù umane come uno Shakespeare ante litteram, per questo così teatrale e attualissimo.
Sul palcoscenico si agitano mille personaggi attraverso la narrazione di Alessio Boni, le donne amate dal poeta, la casa nella campagna sabina dove trascorse il suo tempo migliore, le anfore e il potere benefico del vino e del cibo e quello malefico dei disturbatori logorroici e incapaci di godere del bello che la vita può offrire loro prima di congedarsi da essa.
I beni materiali, appaiono privi di consistenza e la vera e unica conquista, nel breve tempo concesso all'uomo, è proprio quello di amare, rispettare gli amici senza dimenticare mai le proprie origini.
Forse è proprio una vita semplice il segreto della felicità e il messaggio del concertato a due, dove il passato e il presente convivono magicamente in un canto corale e straordinario.

di Tania Croce

6 commenti:

  1. Onorata di aver assistito a questo splendido spettacolo,ricco di verità,suoni e musiche antiche accompagnano questo spettacolo con un magico ALESSIO BONI ,che in un secondo riesce a portarti dall' ieri all'oggi...quasi senza accorgertene portando i vizi e le beltà della vita...invitandoci a godere della semplicità e del bello !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente il saggio è colui che sa cogliere l'attimo, senza aspettarsi meraviglie dal futuro, consapevole del fatto che la vera meraviglia è esistere!

      Elimina
  2. Grazie per la recensione. Cogliamo l'attimo e ringraziamo per l'esistenza!
    Un abbraccio
    Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La vita è un dono e vivere pienamente e onestamente, è un modo per ringraziare.

      Elimina
  3. Se ciascuno di noi sapesse cogliere le meraviglie della vita...il mondo sarebbe meno arido e sicuramente migliore !!

    RispondiElimina

PennadorodiTania CroceDesign byIole