Le bisbetiche stremate

L’ arma usata da Giulia Ricciardi per rappresentare l’universo femminile che si difende dal caos odierno, è come sempre l’ironia e “Le bisbetiche stremate”, la pièce che apre la nuova stagione del teatro Golden di Roma, secondo il suo regista Michele La Ginestra
“E’ uno spettacolo molto divertente, è il terzo di una trilogia, ha fatto il tutto esaurito al Sette" . In conferenza stampa Michele racconta il successo ottenuto al Sette e dice: “Che si può fare? Ho chiamato Andrea Maia dato che questa comunità di teatri esiste da parecchio tempo, abbiamo un bel rapporto con il Golden, non perdiamo la possibilità di rappresentarlo qui”. Cifola, Fazi, Ricciardi, sono le simpatiche attrici e protagoniste della pièce tutta al femminile e non sono solo tre donne ma tre ‘stremate’ partite in vacanza a Ferragosto. La scena si svolge in una stanza d’albergo che si trasforma nel microcosmo dell’assurdo, dove gli equivoci sconvolgono il clima vacanziero dopo che un cameriere attraverso una battuta, appare agli occhi delle tre amiche come un terrorista islamico da cui difendersi, o di cui liberarsi. Il passaggio dalla commedia al thriller è immediato… del resto anche Shining era ambientato in un albergo. La reazione delle amiche, strema il pubblico ma dal ridere. Dopo “Parzialmente stremate” e “Stremate dalla luna”, i successi di Colorado su Italia Uno, di “Bambine Cattive” su Comedy Central canale sky 122, ideato e condotto da Giulia Ricciardi, un laboratorio stabile di cabaret femminile “Bambine Cattive”, l’autrice e attrice torna al Golden con due colleghe straordinarie come Federica Cifola e Beatrice Fazi, per invocare gli uomini a non ‘stremare’ le donne, ma solo a capirle e perché no, nella migliore delle ipotesi, ad amarle. Lo spettacolo sarà in scena fino al 15 ottobre 2017.

di Tania Croce




Print Friendly and PDF

Nessun commento:

Posta un commento

PennadorodiTania CroceDesign byIole